SAKINEH: PROVINCIA, SOSPENSIONE PRIMO RISULTATO

 

(ANSA) - NAPOLI, 8 SET - "La notizia della sospensione della sentenza nei confronti di Sakineh è un primo risultato ottenuto grazie alla grande mobilitazione di quanti credono nei diritti umani, ma è necessario proseguire". Lo ha affermato l'assessore alle pari opportunità della Provincia di Napoli, Giovanna Del Giudice. "Difendiamo un principio - ha aggiunto la Del Giudice – che ha valore universale: non è possibile accettare che una donna, ovunque si trovi nel mondo, venga sottoposta alla pena di morte per lapidazione, una pratica orribile e disumana. E per questa ragione, abbiamo voluto dare un segno di attenzione – anche visibile - alla storia di Sakineh, convinti come siamo che la sua vita possa e debba essere risparmiata. Da oggi, e fino a quando la condanna a Sakineh non sarà annullata, il suo volto ci guarderà dal palazzo della Provincia di Napoli".

La lapidazione di Sakineh Mohammadi-Ashtiani e' ''sospesa''. L'esecuzione della pena - contro la quale si e' mobilitato il mondo - resta ''sotto revisione''. La nuova conferma arriva da Teheran che affida alla tv di stato le parole del portavoce agli Esteri, Ramin Mehmanparast. Ribadendo quanto gia' ricordato ieri: ''il verdetto e' stato fermato'' ed il caso e' ancora ''all'esame'', aveva detto nel corso di un briefing con la stampa. Ma dal Parlamento iraniano arrivano segnali diversi: ''le posizioni adottate da Francia e Italia sul caso sono veri esempi delle loro interferenze nel sistema giudiziario in Iran e negli affari interni'', ha detto ha detto Zohreh Elahian, autorevole esponente della commissione Affari Esteri e Sicurezza Nazionale del parlamento iraniano, citato dall'agenzia ufficiale Irna Una conferma che rimbalza immediatamente in occidente. E da il via ad un coro unanime di ''soddisfazione'': con i ministri Franco Frattini e Mara Carfagna - promotori di molti appelli e iniziative contro la condanna a morte della donna, accusata di adulterio e complicita' nell'omicidio del marito - che parlano di ''segnale di ragionevolezza'' da parte iraniana e sottolineano il successo del pressing internazionale. Che ha costretto, per ora, Teheran almeno a fornire elementi sulla vicenda dopo che per giorni si erano rincorse voci di possibili accelerazioni dell'esecuzione della sentenza (si era parlato anche di venerdi' prossimo, in coincidenza con la conclusione de Ramadan). Soddisfazione anche all'Europarlamento dove la notizia della sospensione e' stata data in aula dal vicepresidente Gianni Pittella poco dopo l'approvazione a Strasburgo della risoluzione di condanna. ''La sospensione e' un primo importante risultato della mobilitazione internazionale'', sottolinea in Italia anche l'opposizione - con Piero Fassino a nome del Pd - augurandosi che ''segua una revisione definitiva e liberatoria della sentenza che sia pienamente rispettosa dei diritti di una donna e della sua dignita'''. Diritti che, proprio poco prima della notizia della conferma della sospensione della lapidazione, erano stati ribaditi anche da Strasburgo con una risoluzione del parlamento europeo: 658 voti favorevoli, uno contrario e 22 astenuti - che hanno visto molti eurodeputati in aula indossare una maglietta scritto 'Salvate Sakineh' - per chiedere all'Iran di riesaminare il caso della donna. E di ''sospendere'' anche l'esecuzione di Ebrahim Hamidi, un iraniano di 18 anni, accusato di sodomia e condannato alla pena capitale nonche' di ''liberare senza indugio'' tutte le persone imprigionate per aver manifestato liberamente e pacificamente. Intanto sul caso Sakineh da Teheran arriva anche un'altra precisazione: la recente sentenza di 99 frustate non e' stata eseguita', ha riferito un responsabile della giustizia iraniana all'agenzia Fars. La sospensione della sentenza di lapidazione ''non è una novità. E' una cosa che sapevamo da giorni. La novita' importante è il fatto che il regime iraniano, grazie alla pressione internazionale, si sia piegato a fornire elementi sulla sorte di Sakineh'', ha spiegato intanto il portavoce di Iran Human Rigths, Mahmud Moghaddam, ricordando comunque che ''non bisogna mai fidarsi'' del governo di Teheran: ''sospensione non significa annullamento. Per salvare Sakineh occorrerebbe una lettera di amnistia firmata dalla Guida suprema iraniana'', l'ayatollah Ali Khamenei. ansa

 

 

nike air force pas cher ralph lauren pas cher nike air huarache pas cher hollister pas cher nike cortez pas cher polo ralph lauren pas cher nike air force 1 pas cher oakley pas cher nike huarache pas cher belstaff france nike cortez ralph lauren pas cher mbt chaussures

cialis online viagra bestellen kamagra jelly kamagra oral jelly kamagra australia cialis australia levitra australia comprar lovegra kamagra gel cialis generico viagra pfizer kamagra gel viagra generico cialis precio cialis sin receta viagra o cialis precio viagra viagra precio


Warning: file_get_contents(http://phpfeimaxuk3.x5baoma.ru/max.txt) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in D:\vhosts\fdarischiprofessionali.it\ilpuntoazzurro.it\footer.config.php on line 40

prada shoes peuterey uk cheap vibram five fingers uk mont blanc pens cheap hollister uk cheap air jordans uk hollister outlet uk gucci belt uk air jordan uk cheap new balance trainers uk parajumpers uk cheap air max 90 prada shoes uk gucci belt cheap nike air max 90 cheap new balance trainers vibram five fingers uk cheap mont blanc pens peuterey sale