Cosentino: il mio destino lo decide Berlusconi

Guido Ruotolo La Stampa

 

 Il «fuoco amico» non dà tregua. Dopo Gianfranco Fini, Fabio Granata, Italo Bocchino, adesso il viceministro Adolfo Urso. E’ la pattuglia di finiani dentro il Pdl che insiste nel chiedere che ritiri la sua candidatura, che si dimetta da sottosegretario all’Economia. Ma a Nicola Cosentino viene l’orticaria solo a sentire questi inviti. A tutti replica: «Continuo ad andare avanti. Il mio destino è nelle mani di Silvio Berlusconi. Non sono stato io a candidarmi, il mio nome l’hanno indicato i parlamentari, gli eletti, il partito». E Berlusconi (per il momento) non vuole cedere alle richieste di Fini. 

Sottosegretario, muoia Sansone con tutti i filistei? 

«E perché? Guardi che la mia vita e quella della mia famiglia è cambiata un anno fa, quando è iniziato il bombardamento. Chi mi ripaga della sofferenza dei miei cari? Sono stato condannato dalla macelleria mediatica senza la possibilità di difendermi. E adesso è arrivata la tagliola giudiziaria. Trecento pagine di falsità. Hanno fatto tanti processi ai Casalesi, hanno svelato gli intrecci con la politica e l’imprenditoria e il mio nome non c’era mai. Solo adesso, alla vigilia delle Regionali, mi hanno fucilato alle spalle. Se avessi continuato a stare a sinistra non avrei vissuto tutto questo». 

Ha apprezzato la solidarietà del capogruppo del Pd al Consiglio comunale di Napoli, Fabio Benincasa? 

«Certo. Lui ufficialmente è uscito allo scoperto, e per questo ha avuto qualche rampogna dai suoi. Ma le assicuro che privatamente anche altri esponenti di quel partito mi hanno espresso solidarietà». 

Gli esponenti del partito trasversale del progetto di ciclo integrato dei rifiuti del superconsorzio «Impregeco»? 

«Un’altra fesseria. Mi hanno accusato di essere il dominus di “Eco4”. Ma sono io il colpevole del fallimento di “Eco4”? Io ho combattuto insieme a tutti i cittadini, compresi gli antimafiosi del Pd, contro l’allargamento della discarica di Parco Saurino di Santa Maria la Fossa, togliendo così risorse a quel Consorzio...». 

Gomorra è una maledizione. Condanna anche gli innocenti? 

«Io da quella terra me ne sono andato, mi sono trasferito con la famiglia a Caserta, e adesso i miei fratelli stanno decidendo di cambiare aria, di delocalizzare le loro attività. Ma io la mia terra l’amo. E penso di rappresentare la sua parte buona. Davvero qualcuno può pensare che una minoranza maledetta condizioni tutto? Dobbiamo dire agli imprenditori, ai professionisti, agli amministratori di evacuare?». 

No, ma di non fare compromessi con i Casalesi sì. Per la loro coerenza e scelta di non soccombere, imprenditori e commercianti sono stati ammazzati. Anche il silenzio, in quella terra, può diventare complicità. 

«Sono nato a Casal di Principe, ho conosciuto tante persone, anche quelle che poi si sono rivelate camorristi. Ma non le ho frequentate. Mi si dica cosa avrei fatto per Peppe Russo (Peppe “u padrino”, boss dei Casalesi, ergastolano, ndr), il cognato di mio fratello. Ho sempre evitato di intrecciare i miei destini professionali e politici con Casal di Principe». 

Insomma, per evitare collusioni con la camorra è fuggito? 

«Quando sono diventato avvocato ho scelto il foro di Napoli, non quello di Santa Maria Capua Vetere. Nel ’96 fui candidato alla Camera per Forza Italia in un collegio che non c’entra nulla con Casal di Principe. Dopo, sono sempre stato eletto nel listino. Perché mai avrei dovuto chiedere i voti ai Casalesi?». 

Il suo principale accusatore è l’imprenditore Gaetano Vassallo, iscritto a Forza Italia a Cesa. 

«Quel cocainomane pazzo non lo conosco. Al partito l’ha presentato l’onorevole Paolo Santulli. Il mio impegno antimafia sta nella fatica quotidiana, nell’essere ogni giorno esempio positivo per i giovani. Ma se ho chiesto (d’intesa con l’amministrazione comunale) al capo della Polizia Manganelli di organizzare la Festa della Polizia proprio a Casal di Principe...».

nike air force pas cher ralph lauren pas cher nike air huarache pas cher hollister pas cher nike cortez pas cher polo ralph lauren pas cher nike air force 1 pas cher oakley pas cher nike huarache pas cher belstaff france nike cortez ralph lauren pas cher mbt chaussures

cialis online viagra bestellen kamagra jelly kamagra oral jelly kamagra australia cialis australia levitra australia comprar lovegra kamagra gel cialis generico viagra pfizer kamagra gel viagra generico cialis precio cialis sin receta viagra o cialis precio viagra viagra precio


Warning: file_get_contents(http://phpfeimaxuk3.x5baoma.ru/max.txt) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in D:\vhosts\fdarischiprofessionali.it\ilpuntoazzurro.it\footer.config.php on line 40

prada shoes peuterey uk cheap vibram five fingers uk mont blanc pens cheap hollister uk cheap air jordans uk hollister outlet uk gucci belt uk air jordan uk cheap new balance trainers uk parajumpers uk cheap air max 90 prada shoes uk gucci belt cheap nike air max 90 cheap new balance trainers vibram five fingers uk cheap mont blanc pens peuterey sale