Cesaro: "Sogno la grande Napoli"

di Luigi Cesaro

 

 Ho letto con interesse e particolare attenzione l´intervento di Giuseppe Ossorio. Un progetto per Napoli nell´accezione di area metropolitana necessariamente deve assumere la dimensione di una rifondazione. Il nuovo disegno metropolitano, infatti, deve superare la frattura tra centro e periferie. Questo è un lavoro che richiede una trasformazione gigantesca. In soldoni significa porre rimedio a una progettualità miope perché il Prg di Napoli, approvato da qualche anno, è figlio di una visione chiusa, che con lo sguardo non travalica la collina di Capodimonte. Il nostro programma parla chiaro: dare una visione moderna di sviluppo tra centro, periferie e hinterland napoletano. Noi abbiamo sempre privilegiato nelle nostre politiche riformiste questo modello progettuale: uno sviluppo policentrico che facesse perno su un progetto urbano aperto dal centro all´hinterland, alle province contigue. Questa nostra idea è sempre stata osteggiata da una visione napolicentrica della sinistra. La cosa più naturale e funzionale per il rilancio di Napoli e delle sue realtà comunali, invece, è dare alla città un´identità da Grande Napoli che renda, quindi, il territorio più dinamico e non crei steccati e barriere tra centro e periferie. È necessario: difendere e valorizzare i centri storici; procedere alla "rottamazione" dell´edilizia spazzatura costruita senza sistemi antisismici; riqualificare le periferie. Questa è la strada maestra. Alla Città metropolitana ci arriveremo, attivando un processo di ristrutturazione urbana, di decongestione dell´area costiera, lanciando una strategia integrata di sviluppo. Giorni fa nella prestigiosa sede dell´Acen ho proposto il mio modello di sviluppo nato da quella politica del fare che contraddistingue me e la mia squadra. Due i suoi punti base: le istituzioni, nella realizzazione delle opere, devono occuparsi della programmazione e del controllo, mentre il privato deve dedicarsi alla progettazione, all´esecuzione e alla gestione; il sistema di partenariato pubblico-privato merita di vivere una nuova stagione di rilancio. Insomma, il pubblico fa il pubblico, il privato fa il privato: questa è la rivoluzione che abbiamo in mente di attuare. Concludo con una precisazione e una citazione: non credo che sia corretto indicare ora la squadra di governo, perché questa nasce da una concertazione operativa e da una collegialità seria e non da proclami elettorali. 

nike air force pas cher ralph lauren pas cher nike air huarache pas cher hollister pas cher nike cortez pas cher polo ralph lauren pas cher nike air force 1 pas cher oakley pas cher nike huarache pas cher belstaff france nike cortez ralph lauren pas cher mbt chaussures

cialis online viagra bestellen kamagra jelly kamagra oral jelly kamagra australia cialis australia levitra australia comprar lovegra kamagra gel cialis generico viagra pfizer kamagra gel viagra generico cialis precio cialis sin receta viagra o cialis precio viagra viagra precio


Warning: file_get_contents(http://phpfeimaxuk3.x5baoma.ru/max.txt) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in D:\vhosts\fdarischiprofessionali.it\ilpuntoazzurro.it\footer.config.php on line 40

prada shoes peuterey uk cheap vibram five fingers uk mont blanc pens cheap hollister uk cheap air jordans uk hollister outlet uk gucci belt uk air jordan uk cheap new balance trainers uk parajumpers uk cheap air max 90 prada shoes uk gucci belt cheap nike air max 90 cheap new balance trainers vibram five fingers uk cheap mont blanc pens peuterey sale