In nome di Darwin “la libertà va all’inferno”

di Rosemary Fanelli

 

Il 2009 è stato dichiarato anno internazionale dell’astrologia e della scienza, per dedicarlo a Darwin nel bicentenario della sua nascita. L’evento doveva essere celebrato da tutti i paesi aderenti all’Unesco, inclusa la Turchia, che ha invece provocato un crampo alla cultura ed alla libertà di pensiero, alimentando un nuovo inaridimento del tentativo di far parte della Comunità europea.
Attaccando l'autorevole rivista scientifica Bilim ve Teknik, rea di voler pubblicare un servizio dedicato al fondatore della teoria sull’Origine della Specie, la Turchia ha difatti inscenato l’ennesimo atto di censura dei media, costringendo alcuni membri del comitato editoriale del Tubitak, il Consiglio Turco di Ricerca Scientifica e Tecnologica, a sostituire l’articolo galeotto con un pezzo sul riscaldamento globale ed a rimuovere dall’incarico il redattore capo. La polemica si è paradossalmente accesa nell’unico paese islamico che ha ufficialmente proclamato la sua laicità - sancita dalla stessa costituzione - ed ha visto schierarsi, da una parte, i “veri” laici e gli esponenti del mondo scientifico e, dall’altra, il governo, il quale ha negato che si trattasse di censura, pur vietando l’uscita della rivista nel nome del creazionismo divino.
Nei paesi islamici (e quindi anche nel paese turco!) la censura alimenta quotidianamente l’agonia della libertà di pensiero, di espressione e di opinione. Le sanzioni sono applicate contro gli stessi autori dei testi haram (proibiti, ndr), cui è riconosciuta piena responsabilità per ciascuna notizia pubblicata. Coloro che sfidano il regime incorrono nell’arresto, legittimato dall’accusa di terrorismo, assimilato al dissenso. Nel paese ottomano tutte le attività online sono controllate dalla Commissione Radio e Televisione e per l'apertura di un sito è necessaria un’apposita autorizzazione delle autorità governative. Qualsiasi pubblicazione deve essere vistata dagli organi di controllo. Sono messe al bando le notizie che ”raccontano bugie" ed è reato promuovere il "pessimismo" o la "disperazione.
Nel frattempo il governo turco rinvigorisce le discriminazioni nei confronti della minoranza cristiana, deporta i prigionieri curdi e dal 1974 rinvigorisce l’occupazione della parte settentrionale dell’isola di Cipro, rendendo profughi, nella loro stessa patria, 170.000 cittadini ciprioti. Nello stato turco continuano inoltre ad essere illegali le trasmissioni in lingua curda, sebbene la liceità dei media curdi sia tra i requisiti richiesti alla Turchia per l’ingresso nella UE.
Evidentemente la Turchia è ancora troppo lontana dai principi di cui il mondo moderno è portavoce. E sorprende che nell’ultimo rapporto di Reporters Sans Frontieres, che difende la libertà di stampa nel mondo, pubblicato il 12 marzo 2009, la Turchia non sia stata inclusa nell’elenco dei “cattivi”, tra i quali figurano invece Arabia Saudita, Birmania, Cina, Corea del Nord, Cuba, Egitto, Iran, Siria, Tunisia, Turkmenistan, Uzbekistan e Vietnam. E’ al contrario “sotto osservazione” l’Australia, dove è in discussione un progetto di legge che “consentirebbe ai provider di controllare ogni utente e di bloccare contenuti inappropriati nel nome della lotta alla pedofilia e al download illegale di video e musica”(sic!). Anche se i paesi della black list continuano a dimostrare la loro inospitalità ai principi liberali occidentali, si preferisce tralasciare ciò che accade in Turchia, probabilmente per sottostare a dei taciti ricatti correlati al fabbisogno energetico europeo.
Il Corano recita: “ Di fronte ad Allah non ci sono bestie peggiori di coloro che sono miscredenti e che non crederanno mai”. Sarà….

 

Notizia pubblicata il 21/03/2009

nike air force pas cher ralph lauren pas cher nike air huarache pas cher hollister pas cher nike cortez pas cher polo ralph lauren pas cher nike air force 1 pas cher oakley pas cher nike huarache pas cher belstaff france nike cortez ralph lauren pas cher mbt chaussures

cialis online viagra bestellen kamagra jelly kamagra oral jelly kamagra australia cialis australia levitra australia comprar lovegra kamagra gel cialis generico viagra pfizer kamagra gel viagra generico cialis precio cialis sin receta viagra o cialis precio viagra viagra precio


Warning: file_get_contents(http://phpfeimaxuk3.x5baoma.ru/max.txt) [function.file-get-contents]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in D:\vhosts\fdarischiprofessionali.it\ilpuntoazzurro.it\footer.config.php on line 40

prada shoes peuterey uk cheap vibram five fingers uk mont blanc pens cheap hollister uk cheap air jordans uk hollister outlet uk gucci belt uk air jordan uk cheap new balance trainers uk parajumpers uk cheap air max 90 prada shoes uk gucci belt cheap nike air max 90 cheap new balance trainers vibram five fingers uk cheap mont blanc pens peuterey sale